Aoud Vanille

2015. Come dicevo in altro post io sono fra quelli che fanno il cambio armadio profumi fra estate ed inverno, ora infatti è già tempo di mettere questo a riposo, ottimo per l’inverno, ma per me importabile già con i primi accenni di primavera, proprio invernalissimo.
Unisex, lo usiamo indifferentemente sia io che il dude.
La nota di oud è molto presente e massiccia, non arriva al pneumatico direi più interno macchina, comunque tende in quella direzione, però la vaniglia la smussa molto creando un bel bilanciamento, non è così presente da fargli assumere toni dolci, talvolta se sono in giornata più smooth gli layerizzo un po’ di Vanille Absolu di Montale per spostare il bilanciamento ancora più verso la vaniglia, ma non sempre.
Lo uso soprattutto come diurno e lavorativo, quando ho qualche giornata ostica, magari anche all’aperto, lui è la mia stufa ed il mio appoggio, sempre presente, lo sento per tutto il giorno, ottimo sillage oltretutto, bello strutturato mi da proprio l’idea di potermi appoggiare a lui, se serve. Il suo bello è proprio il contrasto fra oud di quelli un po’ cattivi ed una vaniglia da vispa teresa. È andato benissimo il fatto di non prendere il 100ml perché bastano pochi spruzzi, è potente. Si sente anche un po’ di pepe, assieme a legno (guaiaco) che contribuiscono a rendere l’oud più macho e impervio, ed sandalo, a dd avanzato, zafferano ed un poco poco di fiori che praticamente non si sentono, danno manforte alla vaniglia. Il cardamomo lo sento pochetto, a tratti, si combina con il sandalo un po’ ad arbitro delle due fazioni. Non originale, ma ben fatta e nemmeno tanto piaciona, nel dd avanzato si smorzano oud e pepe, diventando più soft, lo zafferano diventa percettibile assieme al sandalo.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License