Black Aoud - Black Aoud Intense

La versione intense è del 2017 e tutti si sono chiesti che senso avesse far uscire la versione intense di una fragranza già intensissima; dato che è una delle fragranze di punta di tutta la Maison credo sia il risultato di varie indagini di marketing per ampliare la gamma di persone raggiunta, infatti il Black Aoud normale è stato poi riformulato e fatto scendere di intensità.

Per vedere bene le differenze ho preso un samplino del normale e messo sull’altro polso. E’ esattamente la stessa identica fragranza ma meno aggressiva, dove nell’intense hai una rosa abbagliante quanto il sole e a cui ti approcci quasi ad occhi stretti, qui è come se avessi gli occhiali da sole e non brucia, per converso forse riesci a sentire meglio, nel normale le note legnose di oud sottostanti, proprio perché si è più riparati dal sole.

Il sillage dell’intense è mostruoso, si rischia anche di auto annichilirsi l’olfatto se si esagera.

Le note, da ribadire, uguali per entrambe, sono solo: cambodian oud (un giorno mi piacerebbe poter approfondire che differenze ci sono a seconda delle provenienze dell’oud), patchouli leaf, mandarin, rose petals, musk.
Il mandarino rinfresca ma non lo trovo evidente come presenza, l’oud non è in primo piano, patch nell’intense non si avverte e per nulla il muschio.

Innanzitutto la fragranza ha una nota dolce quasi sicuramente legata al mandarino che si nota immediatamente, resta comunque totalmente unisex, e si dissolve rapidamente, al dd non è nè dolce nè amara. Non c’è incenso e nemmeno labdano che mi risulti, in nessuna delle due versioni, non c’è sandalo.
Quello che si percepisce immediatamente e che fa dire a molti che si tratta di una fragranza sintetica è quell’odore pungente che molti definiscono medicinale, io preciserei ammoniacale, che ad alcuni ricorda il sapone di Marsiglia, e che è davvero intenso in questa versione, ma in realtà non è affatto sintetico, dipende (stando alle mie attuali conoscenze, che spero di precisare ulteriormente in futuro) dalla rosa utilizzata, credo sia olio di rosa non so se c’è anche dell’assoluta, in ogni caso non è ciò che si definisce come sintetico, anzi, l’esatto opposto. Questo conferisce alla fragranza che è sostanzialmente un concentrato di rosa con un tocco di oud, il suo carattere gotico, vampirico, non ha grosse evoluzioni, il lato pungente rimane per tutto lo svolgimento della fragranza, la rosa non cede mai, nell’intense, spazio all’oud o al patch per farsi sentire. È un profumo imponente, una barriera per me, quando debbo avvolgermi nel mio bozzolo, quasi irradiassi al mondo don’t fuck with me today.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License