Boeli

2017 Fresco, molto fresco ma non agrumato, non riesco a spiegarmi bene a che composto sia dovuto, sicuramente un composto che fornisce un freddo quasi metallico, come fosse brina. È leggermente dolce, nulla a che vedere con quel che mi aspettavo leggendo la piramide, non ha comunque grossa intensità. Pian piano la fragranza si scalda, anzi evolve diventando proprio tiepida, quasi calda; sento vaniglia e sandalo, mentre l’iris fa solo una fuggevole apparizione, così come le sfumature verdi iniziali. Coriandolo che resta sul retro, noce moscata non proprio percepibile ed anche il gelsomino fonino riesco ad individuarlo esattamente. Diciamo che ha una bella evoluzione anche se fin troppo rapida, si stabilizza meno complesso di come era partito, un sandalo vanigliato piacevole ma poco sfaccettato nel proseguo. Resta close skin, su di me max 2h

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License