Clean

Clean Reserve Collection

Sel Santal

2016 fresca, luminosa, leggermente salina, il sandalo risalta bene, non troppo secco, ma nemmeno cremoso, sfumature umide terrose, forse per via dello styrax, e leggermente floreali. Si sente la violetta, ma ho bisogno delle note per identificare il fico, è quasi più una lieve sfumatura che non avrei mai colto, poi le note citano acqua tonica, beh in effetti, pensandoci, ci sta; poi c’è una leggera sfumatura amarognola che credevo fosse quello della scorza del bergamotto invece sono foglie di mandarino. Panna e crema di nocciole sinceramente non sono evidenti, forse, comunque la fragranza non ha toni dolci e nemmeno aspri, non è speziata, il floreale, a parte la violetta, resta retrostante. Unisex, carino, lo metterei volentieri, ben sfaccettato e piacevole, un sandalo agrumato estivo con sfumature verdi acquose, ariose, terrose, umide, floreali.

Rain

2012 Acquoso indubbiamente, leggermente dolce e fruttato sicuramente per via del melone, si sente la parte floreale, il giglio d’acqua, ma si evince anche che si tratta di un bouquet più composito, anche se non percepisco come scindibili nè narciso, nè margherite. Ribadisco il leggermente dolce, non ha la dolcezza di un fruttato medio, non sa effettivamente di melone. Riposante, semplice, floreale, acquoso, volendo sa anche di cielo plumbeo e minaccioso di pioggia, ispira calma e tranquillità, piacevole, diretto, poco complesso. Riesce dunque a ricreare la pioggia? No, a parer mio, troppo dolce e troppo floreale, sa più di specchio d’acqua e pare di vedere delle ninfee galleggiare (non distinguo fra giglio d’acqua e ninfea, il cervello fa la prima associazione che gli viene verosimile). Durata 2 h e mezza circa

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License