Eau D'Hadrien

1981. EDT. Annick Goutal & Francis Camail
A quel che ho capito fra EDP ed EDT le note non variano, è una fragranza fra le più note della Goutal, e bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare, ma ad oggi… sempre difficile parlare di fragranze storiche quando pensi che appunto è bene restino tali.
L’EDT è poco differente da una eau de cologne, esperidata con sentori molto naturali, il cipresso fornisce una nota verde e fresca spezzando le sfaccettature agrumate, se non l’avessi letto non l’avrei mai descritto come aldeidato, per una volta non le sento e questo, al mio naso, è un complimento. Dovrei provare l’EDP per capire se varia la persistenza, questo su di me dura esattamente 30 minuti, giusto il tempo di finire di buttar giù due note e se ne stava già andando. Non amaro, non proprio dolce, nemmeno aspro, piacevole. L’ylang non lo sento affatto. Immagino un capostipite nel suo genere, probabilmente adatto ai momenti di minimalismo o quando di ha bisogno di molta semplicità sempre se nella versione EDP riesca a durare un poco di più.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License