L'Oree Du Bois

2017. Luca Maffei. Miele e mimosa subito evidenti, si sentono bene entrambe, il miele è molto aromatico ma non molto dolce, quindi per nulla stucchevole, sandalo a bilanciare il tutto. Non sento lo zafferano ed il cumino è veramente molto dietro, lo devi proprio cercare. L’ylang arriva dietro la mimosa con un piccolo coro di accompagnamento di neroli e fda, rinfresca il tutto senza evidenziarsi bene. È luminoso, caldo ma non troppo, indossabile anche in estate anche se è un profumo che urla primavera, non riconosco bene l’odore della ginestra ma completa il bouquet dei fiori gialli. Cashmeran e muschio a piacionizzare il tutto. È proprio carino, non troppo dolce, unisex, un bel miele ed una bella mimosa. Il sandalo si sente bene senza esser troppo sabbioso o troppo cremoso, funziona come perfetto appoggio per l’aromaticità del miele. Lo trovo ben bilanciato, forse se lo zafferano fosse stato più evidente sarebbe risultato più “pesante”. Un pret a porter primaverile, potrei prenderlo se capita, resta comunque close skin, sillage non rilevante.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License