Tann Rokka

Aki

2005 una delle poche fragranze che amo con un patch rilevante. È principalmente un profumo ambrato, più ambragrigioso in realtà, ma non dolciastro. Luminoso senza essere agrumato, l’ambragrigia ha una leggera animalità, che me lo fa amare molto, sento sandalo e cedro, non mi sembra di sentire palissandro, non ci sono sentori rosacei, la fragranza resta molto unisex. Fr. mette anche ylang, che trovo più chiaro nel proseguo, inizialmente sento solo un floreale che equilibra il tutto, ammorbidendolo. È leggermente polveroso ma molto leggermente, mi piace molto anche se di orientale io non ci trovo nulla a parte il flacone. Su di me non dolce, non salino nonostante l’ambragrigia, comunque mi viene da dire che il composto usato per l’ambragrigia non è usuale o forse solo meno attuale quindi conferisce una certa originalità al tutto.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License