Tindrer

Verde verdissimo, inizia con note verdi e Galbano, la violetta pian piano comincia a venir fuori, verde anche lei, fogliosa, beninteso non c’è da aspettarsi la classica violetta fiorita, anzi onestamente io lo consiglierei a chi cerca in profumo verde e mai a chi cerca un profumo di violetta, non è mai aspro come può essere un verde-foglioso, ma nemmeno possiede un fondo dolce, oakmoss avvertibile, l’erba limoncina no, invece, nessun sentore di verbena o per lo meno potrebbe esserci in apertura ma non distintamente limonosa; si sentono varie note vegetali ma non chiaramente identificabili, personalmente non sento erba tagliata (sentore che cerco sempre, ma non trovo mai), ci sono varie componenti elencati sul sito, non sento legni, ambragrigia nemmeno, non evinco neanche particolari note terrose, onestamente se non avessi saputo a priori che c’era della violetta non l’avrei mai detto, poi, quando lo sai, un po’ ti suggestioni anche e sei convinta che sì la senti, ma ad essere onesti, no, io non l’avrei mai identificata nè su di me, nè sul polso maschile, diciamo un profumo verde con sentori di violetta, altra nota presente è il buchu o bucchu, nota che è un po’ che investigo per capirla meglio e saperne di più, in questo caso è una nota erbacea quasi sulfurea, mentosa,, non percepisco altre note fiorite e nemmeno note acquose, o umide-rugiadose, la longevità dipende dalla pelle, ottima sul dude, su di me nulla dopo 2 ore.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License