Un Matin D'Orage

Versione 2014. EDP
Non credo esista un Goutal narcotico o soverchiante, persino quando si tratta di una fragranza opulenta ai fiori bianchi, ne viene fuori comunque un profumo che riesce ad esser discreto, e con magnolia, gardenia e tuberosa in piramide, è quasi una fragranza eccessiva per definizione, invece ne viene fuori una fragranza quanto più fine possibile. Ha una buona intensità, più intensa e non sarebbe più fine, ma la persistenza non è granché, comunque meglio di altri, sulle 2 ore, su di me. La vaniglia c’è, cremifica i fiori, ma senza uno spiccato aroma vanigliato; legno e mirra leggerissimi, la mirra è quasi una sottile bruma, non arriva nemmeno ad esser balsamica. La tuberosa ha una leggera parte verde, cioè sembra non totalmente tuberosa verde e non totalmente fiore pieno e rigoglioso, al dd avverto più tube e gardenia che magnolia. Esiste anche la versione EDT, che sembrerebbe esser leggermente diversa come note, quindi sarà da provare.

2008 Isabelle Doyen.
Versione EDT.
Tempo fa ho raccontato l’EDP, ma le note dell’edt sono differenti, quindi si riprova. In effetti è subito molto luminosa, quasi avesse persino sfumature fruttate, ma anche verdi, la gardenia viene fuori più chiaramente e non diventa minimamente fungina, il restante bouquet fiorito risulta piuttosto inscindibile: magnolia, gelsomino champaca suggeriscono le note, essi da una parte imbrigliano e confondono la gardenia, ma anche gli agrumi e lo zenzero, dall’altro, la abbagliano. L’intensità è molto buona, la persistenza anche fa un 3/4h che per me son tantissime per una edt. C’è solo un po’ di sandalo retrostante che si evidenzia solo dopo che gli agrumi recedono. È una bella gardenia primaverile, non particolarmente cremosa, ma nemmeno narcotica, ed esattamente in accordo al nome ha una bellissima luminosità, un vestito svolazzante, un cappellino di paglia con un nastro colorato, pare di vedere l’immagine. Basenotes non mette sandalo ma noce moscata che non mi pare di sentire ed ylang, che anche qui, ma è più difficile, anche se la champaca pare proprio di sentirla con il senno di poi; inoltre non mette lo zenzero che a me pare evidente.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License